CAMPI VISIVI PER RINNOVO PATENTE

NEWS: CAMPI VISIVI PER RINNOVO PATENTE

Dal 1° Luglio 2017 presso il nostro Poliambulatorio Laboratorio di Analisi Cliniche “Diagnosis”:

la Dott.ssa Laura Roberto ortottica e ortottista esegue:

– valutazioni ortottiche

– training ortottici

campi visivi computerizzati per patologia e per rinnovo patente.

L’ortottica

L’ortottica è parte integrante dell’attività oculistica. Questo ramo dell’oftalmologia

misura, valuta e cura le alterazioni dei muscoli degli occhi, i disturbi della visione e

sensoriali che colpiscono l’apparato visivo. La valutazione ortottica si rivolge a

neonati, bambini ed adulti e riconosce:

  • anomalie della visione binoculare, lo strabismo , l’ambliopia (occhio pigro)
  • paralisi oculari
  • anomale posizioni del capo
  • anisometropia (differenza di refrazione da un occhio all’altro che può
  • interferire con lo sviluppo normale della capacità visiva dell’occhio più
  • debole)
  • anomalie sensoriali
  • diplopia (visione doppia) con successiva correzione tramite applicazione/
  • prescrizione di lenti prismatiche, per ovviare al problema

La visita ortottica

La visita ortottica ha una durata di circa 30/45 minuti ed è così strutturata:

  • la valutazione della motilità oculare, del senso della tridimensionalità(“stereopsi”), della convergenza, dei movimenti che permettono agli occhiuna visione unitaria (vergenze fusionali), dell’accomodazione.
  • la misura dell’acuità visiva

La valutazione si completa con la proposta di strategia per la risoluzione di

eventuali problemi riscontrati.

Le soluzioni adottate possono andare dal consiglio di un mezzo correttivo specifico

per il problema, alla necessità di intraprendere un percorso rieducativo o terapia

visiva.

La riabilitazione visiva – Il training ortottico

Lo stress visivo (astenopia) determinato dallo studio o dall’attività lavorativa può

determinare disturbi nel bambino e nell’adulto quali:

  • cefalea
  • affaticamento nella visione da vicino (“astenopia”)
  • deficit di convergenza
  • deficit della messa a fuoco
  • soppressione
  • alterazioni posturali
  • difficoltà di apprendimento e memorizzazione di origine visiva

Il training ortottico è una ginnastica che insegna ad allenare e riequilibrare il tono

dei muscoli oculari, migliorando la percezione e l’abilità visiva. I buoni risultati che

generalmente si ottengono sono anche correlati all’impegno ed alla partecipazione

dei pazienti. Un ciclo di training ortottico consiste in circa 8 sedute individuali di 30

minuti, successivamente il paziente prosegue la ginnastica a domicilio.

L’ortottista e la semeiotica strumentale

L’ortottista esegue esami di diagnostica strumentale:

  • Campo visivo computerizzato o manuale, un test fondamentale nella diagnosi enella valutazione del glaucoma, ma può risultare di notevole utilità anche nellostudio di alcune patologie a carico di retina, nervo ottico e sistema nervosocentrale.L’esame del campo visivo viene effettuato anche per il rinnovo della patente.
  • Tomografia a coerenza ottica (OCT) è un esame diagnostico non invasivo chepermette di ottenere delle scansioni della cornea e della retina per la diagnosied il follow-up di numerose patologie corneali e retiniche e nella diagnosipreoperatoria e nel follow-up postoperatorio della gran parte delle patologieoculari che necessitano di un intervento chirurgico.
  • Schermo di Hess-Lancaster un test a cui ricorrere per rilevare la presenza dianomalie del funzionamento dei muscoli oculari.
  • Topografia corneale che consente di studiare la conformazione della cornea e lesue caratteristiche rifrattive per lo studio pre-operatorio della chirurgia rifrattiva,per la diagnosi di patologie corneali quali il cheratocono, lo studio diastigmatismi elevati, ecc..

Inoltre, esegue la pachimetria corneale, per la misurazione dello spessore corneale,

la tonometria a soffio per la misurazione della pressione oculare, la biomicroscopia

endoteliale per lo studio delle cellule della cornea, ecc..

La vista è importante, dalla vista otteniamo l’80% delle informazioni: ridurle o

perderle per cattiva informazione, scarsa formazione o assistenza inadeguata è

oggi inaccettabile. Soprattutto oggi che viviamo in una “società delle

immagini”.

Recent Posts

Leave a Comment